LANGHE, TOUR ENOGASTRONOMICO TRA CASTELLI E COLLINE

DALL’11 AL 13 OTTOBRE 2024
A partire da
€ 410

 11 ottobre: partenza di prima mattina da Arezzo. Pranzo libero lungo il percorso. Arrivo a Grinzane e visita guidata del famoso Castello di Grinzane Cavour che prende il nome dal celebre statista del Risorgimento. Dopo la visita degustazione facoltativa nell’antica enoteca del castello di un vino a scelta. Proseguimento verso balcone la Morra, uno splendido balcone naturale sul panorama delle Langhe. Trasferimento in hotel e sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento.

12 ottobre: Colazione in hotel. Trasferimento ad Alba e tempo a disposizione per la visita della famosa mostra internazionale del tartufo. Al termine pranzo in ristorante. Dopo pranzo trasferimento all’Antica Torroneria Piemontese per una visita guidata della produzione con degustazione finale. Rientro a Barolo e visita del delizioso borgo famoso per avere dato il nome ad uno dei vini piemontesi per eccellenza. Visita facoltativa del Museo del Vino ospitato all’interno del castello. Cena e pernottamento.

13 ottobre: Colazione in hotel, rilascio delle camere e partenza per il pittoresco paese di Barbaresco con visita guidata della torre e delle zone circostanti. Pranzo in ristorante. Al temine rientro ad Arezzo previsto in tarda serata.

Disponibilità

Posti disponibili

Durata

3 giorni

Mezzo di trasporto

Autobus

Condividi questo viaggio

La quota comprende:

  • viaggio in pullman, 2 pernottamenti con mezza pensione in hotel 3* a Barolo, ingresso e guida al Castello di Grinzane, ingresso alla mostra del tartufo, 2 pranzi in ristorante, degustazione torrone, visita guidata zona Barbaresco, assicurazione sanitaria, accompagnatore.

La quota non comprende:

  • degustazione facoltativa all’enoteca del Castello di Grinzane, ingresso facoltativo al Museo del vino di Barolo, tassa di soggiorno, assicurazione annullamento facoltativa € 30 a testa, extra di carattere personale.

Altre proposte di viaggio

Scopri tutti i nostri

Scopri tutti i nostri